Come diminuire gli infortuni in azienda grazie alla certificazione ISO 45001. Sicurezza sul lavoro

Le tematiche della salute e della sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro sono da sempre tra le più dibattute. La situazione è sicuramente migliorata negli ultimi anni, ma le notizie circa gli infortuni, anche mortali, sul lavoro si susseguono tuttora

Continuano sì a diminuire gli infortuni non mortali, ma non si può certo sottovalutare che vi è stato un aumento di stress, ansia e depressione per i lavoratori, fattori che hanno determinato l’innalzarsi delle malattie professionali e di conseguenza anche l’aumento dei giorni lavorativi persi nell’arco di un anno.

Da questo quadro, seppur sintetico, emerge che le organizzazioni hanno il compito di monitorare e di non abbassare la guardia in riferimento alla gestione della salute, alla sicurezza dei lavoratori e alla prevenzione degli infortuni sul lavoro.

Ce ne parla Federico Pucci di Sistemi & Consulenze, realtà che opera nel settore della formazione, consulenza e valutazione in ambito safety e di certificazione ISO 45001, visitando il loro sito potrai trovare tutte le informazioni necessarie per l’ottenimento di questa certificazione.

Infortuni sul lavoro in Italia e certificazione ISO 45001

Da sempre le organizzazioni hanno bisogno di sapere come poter gestire tutti i rischi che si possono presentare nell’ambiente di lavoro. La salute e sicurezza sul lavoro sono aspetti chiave ed è per questo che sono stati predisposti strumenti ideali per tutte quelle organizzazioni intenzionate a migliorare indipendentemente dal settore di riferimento, dalle dimensioni e dal livello di attività.

Lavorare in modo più sicuro è possibile e questo non significa trascurare l’efficacia del ciclo produttivo e dell’operatività.

Tra le certificazioni più rilevanti in materia vi è proprio il Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza sul lavoro o ISO 45001.

Le imprese in questo modo hanno la possibilità di:

  • ampliare in toto i sistemi di gestione grazie ad altre certificazioni come la ISO 9001 o la ISO 14001;
  • integrare il controllo della sicurezza e della salute nell’ambiente di lavoro in tutti i suoi processi generali;
  • ridurre il numero di lesioni, di infortuni e di morte sul lavoro, cercando così di ridurre i rischi presenti e andando a migliorare le condizioni generali dei lavoratori proprio grazie alla gestione di tutti gli aspetti concernenti la sicurezza e la salute dei lavoratori;
  • utilizzare un linguaggio comune e internazionale così da poter trasmettere un senso di fiducia così da assicurare anche una corretta comunicazione tra le parti in gioco. Questo fa sì che si possa migliorare il controllo dei cicli produttivi e dei rischi presenti negli ambienti in modo da evitare incidenti e relativi costi e conseguenze;
  • dimostrarsi azienda che cura la sostenibilità econimico sociale e godere di una reputazione importante sui mercati;
  • avere accesso alle gare di appalto e godere di vantaggi assicurativi.

Le norma in oggetto è dunque una grande opportunità per le organizzazioni e le aziende in quanto consente di apportare migliorie fondamentali per ogni ambiente lavorativo. Non si può cercare di migliorare la salute e la sicurezza dei lavoratori senza intervenire sull’organizzazione generale, sulla strategia interna dell’impresa e sulla gestione del rischio. Per questo motivo l’obiettivo di ridurre gli infortuni in azienda deve far parte di una più ampia strategia aziendale.

Come ottenere la certificazione ISO 45001

La ISO 45001 può essere richiesta e ottenuta da qualsiasi azienda indipendentemente da aspetti quali il numero di dipendenti o il settore di appartenenza. L’ottenimento della certificazione, infatti, si basa sulla verifica di requisiti legali e di conseguenza il sistema di gestione si occuperà del controllo della normativa, aggiornamenti, scadenze e ovviamente l’impegno nel perseguimento continuo degli standard massimi di sicurezza.

Generalmente il percorso di ottenimento della certificazione si fonda su:

  • iniziale diagnosi dello stato dell’impresa, utile per valutare una specifica politica di sicurezza e la procedura idonea per identificare i pericoli. Devono così essere stabilite le modalità attraverso cui procedere a tale identificazione così da rendere attuabili le norme in materia;
  • coinvolgimento diretto dei lavoratori nell’individuazione dei pericoli presenti, nella messa a punto della revisione delle politiche aziendali e nella formazione sul tema della sicurezza.

Ogni azienda dovrà poi procedere di volta in volta ad adeguare il proprio sistema anche in riferimento alle nuove norme predisposte in materia di sicurezza.

Certificazione ISO 45001: vantaggi e benefici

La ISO 45001 consente alle aziende di ridurre la percentuale di infortuni e morti sul lavoro. Questo è determinante sia in riferimento all’eliminazione dei pericoli e alla riduzione dei rischi sia perché consente anche di migliorare la reputazione del proprio brand e di sensibilizzare tutte le parti coinvolte nello sviluppo di una cultura consapevole e di prevenzione.

Nel lungo periodo questo può essere visto anche come un investimento per aumentare la clientela e per favorire i contatti verso nuovi partner commerciali.

Le aziende che hanno ottenuto tali certificazioni hanno, infatti, rilevato una diminuzione dei costi e un netto miglioramento circa le prestazioni in sicurezza e dell’immagine aziendale, trovando così un ulteriore strumento per potersi mostrare competitive. Questo sistema di gestione risulta favore in quanto è riconosciuto a livello giuridico e l’ottenimento della certificazione consente all’azienda di poter usufruire anche di polizze e premi assicurativi.

Quanto costa

Quando si parla di certificazioni aziendali è impossibile non chiedersi quali possano essere i costi che un’azienda può sostenere. La certificazione, infatti, non è altro che una fase di un più ampio progetto di implementazione del sistema di gestione della salute e della sicurezza sul posto di lavoro.

In generale i costi riguardano:

  • la consulenza iniziale per dare il via all’ottenimento della certificazione: la consulenza è del tutto facoltativa e non è obbligatorio avvalersene,
  • la certificazione vera e propria,
  • gli accorgimenti e i miglioramenti da mettere in pratica come la messa a disposizione di risorse e di personale formato,
  • rendere idonee l’ambiente a tutti gli aspetti definiti dalla norma.

Indicativamente il costo della certificazione varia a seconda di diversi fattori come le dimensioni dell’azienda di riferimento, i processi, i siti e i sistemi da verificare senza dimenticare il tipo di accreditamento necessario.

Di conseguenza è bene scegliere il miglior supporto possibile così da poter gestire il proprio business e ottenere risultati nel medio e lungo periodo, dando vita ad un proficuo sistema di relazioni interne ed esterne. Questi costi non sono altro che un investimento fondamentale per migliorare la propria realtà lavorativa.

Come diminuire gli infortuni in azienda grazie alla certificazione ISO 45001. Sicurezza sul lavoro